Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Alluvione Modena, dopo 6 anni la vergogna si ripete. E Bonaccini tace

La Pressa
Logo LaPressa.it

E oltre al danno enorme la beffa nelle parole dell'assessore Priolo la quale afferma che 'si è evitato lo scenario peggiore'


Alluvione Modena, dopo 6 anni la vergogna si ripete. E Bonaccini tace

Il ritornello durante le fasi drammatiche della emergenza è sempre lo stesso 'non è tempo delle critiche, ora restiamo uniti'. Bene. Ma di fronte a una alluvione in provincia di Modena che replica tragicamente quella di 6 anni fa (allora a spaccare gli argini fu il Secchia, stavolta il Panaro ma la fetta di territorio colpita è contigua) quando scatta il tempo di fare una critica seria alle politiche di gestione del rischio idrogeologico? Quando esattamente chi amministra il territorio da 70 anni, consentirà ai cittadini di urlare la propria rabbia? Qual è esattamente il momento della autocritica? Perchè il gioco è evidente: nella fase della emergenza non si può dire nulla perchè 'bisogna stare uniti' e passata l'emergenza ci si dimentica e si derubricano le richieste di Comitati e cittadini a semplici interventi folckoristici.
Oggi, come nel 2014, centinaia di famiglie si trovano prigioniere nelle proprie case senza luce e senza riscaldamento, con l'acqua marcia e stagnante che riflette nel buio quello che resta dei propri ricordi a piano terra. Domani queste famiglie si alzeranno, ognuno indosserà una bella mascherina anti-Covid (perchè qui si è tutti responsabili e si rispettano le regole) e pulirà il fango lasciato dal fiume. Oggi, come nel 2014, l'argine di un fiume si è spaccato lasciando aperta una voragine dalla quale è defluita una montagna d'acqua che ha cancellato ricordi, piegato la speranza, umiliato l'impegno. Gettando i pensieri dentro una spirale che solo chi ha vissuto una cosa simile e toccato con mano il fango, staccandolo dai muri e dai propri mobili, può capire.
'Le casse di espansione di Secchia e Panaro hanno raggiunto i livelli massimi e sono riuscite a invasare milioni di metri cubi d’acqua evitando così lo scenario peggiore' - ha detto l'assessore regionale Priolo (qui l'articolo). Parole che si commentano da sole. Quale sarebbe stato lo scenario peggiore? Una invasione aliena? Cosa dovevamo attenderci per l'assessore Priolo una apocalisse biblica per tre giorni di pioggia?
In questi sei anni cosa ha fatto la Regione per evitare che la tragedia del 2014 si replicasse con modalità di fatto identiche? (qui l'ultima fotografia) Come giustifica la Regione stessa i ritardi nel finanziare i progetti sugli argini del Secchia che oggi, solo per miracolo, hanno retto? Dopo aver dato la colpa alle nutrie ora contro quale animale si punterà il dito? Chi sarà il capro espiatorio stavolta?



Oggi a queste domande la Regione non risponde. Parlano i sindaci di provincia, oggi Nanetti a Nonantola e Gargano a Castelfranco. Soldati in prima linea, senza armatura, che con coraggio fanno fronte alla tragedia e rispondono al telefono ai cittadini, cercando inutilmente parole consolatorie. Ma la Regione, al di là della Priolo, tace. Il presidente Bonaccini sempre pieno di parole entusiaste al grido 'Siamo l'Emilia Romagna' tace. Sta zitto, oggi non parla sui social. In attesa di farlo domani, dopo aver valutato la strategia coi suoi consulenti di comunicazione e marketing. Un silenzio che non fa che aumentare la rabbia di chi oggi ha perso tutto e si sente pure dire che poteva andare molto peggio. Perchè l'unica parola che oggi un governatore regionale può pronunciare, dopo una alluvione bis in una manciata di anni, è 'scusateci, vi prego'. Questa, caro Bonaccini, è l'Emilia Romagna: una Regione dove bastano tre giorni di pioggia per provocare una catastrofe. E non basta chiamare questi eventi 'straordinari'. A meno che non si pensi che sia giusto adattarsi a una alluvione ogni sei anni.

Aggiornamento 

Ieri sera, a mezzanotte inoltrata, due ore dopo la pubblicazione del nostro articolo, Bonaccini ha pubblicato sui social il suo primo intervento sulla alluvione. Eccolo: 



'Da ieri sera ad affrontare situazione difficilissima, con maltempo che ha colpito la nostra regione (soprattutto parte del modenese), Veneto e Friuli Venezia Giulia, con pioggia incessante in pianura e scioglimento neve in montagna, che ha fatto scendere velocemente acqua a valle, ingrossando i fiumi che hanno raggiunto livelli di piena storici.
Chiederemo lo stato di emergenza nazionale per il maltempo, con conseguenti risorse per risarcire chi abbia subito danni, ma ogni energia è ancora concentrata nell'assistenza alla popolazione e nel fronteggiare l'alluvione. Protezione civile e Vigili del fuoco, volontari e Forze dell'ordine sono al lavoro da ieri, senza sosta; il Centro di coordinamento di Marzaglia è attivo h24, in coordinamento costante con prefettura, sindaci, volontari. Non lasceremo sole famiglie, persone, imprese. Il mio ringraziamento intanto a sindaci, operatori e volontari che senza sosta si stanno adoperando per l’incolumità di tutti'.

Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
'Il Pd è il partito della borghesia ..
A parlare è l'ex presidente di Legacoop Modena Roberto Vezzelli
31 Luglio 2022 - 14:17
Ucraina, il Papa ora fa il Papa: ..
Parole che suonano come un monito profondo da parte del Pontefice alla posizione dell'Europa..
31 Luglio 2022 - 12:50
Alla fine Puzzer si candida, sarà ..
Stefano Puzzer ha cambiato idea. Il leader del movimento 'La gente come noi non molla mai' ..
31 Luglio 2022 - 12:17
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58