Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

Indennizzo da inceneritore: il Comune potrebbe evitare l'aumento della Tari

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il milione e 765 mila euro che Hera deve versare al Comune nel 2016 a titolo di indennizzo per 'disagio ambientale' potrebbe coprire la spesa in conto capitale a carico dei cittadini per per l'aumento dell'1.6% della Tariffa Rifiuti e il costo annuale del servizio di riscossione fornito da Hera


Indennizzo da inceneritore: il Comune potrebbe evitare l'aumento della Tari
Nel 2009 la cifra incassata dal Comune di Modena a titolo di indennizzo per la presenza dell'inceneritore (calcolata sulla base di 8,33 euro per tonnellata conferita e stabilita in termini di 'disagio ambientale' da un protocollo di intesa firmato da Hera e Comune nel 2012), è stata di un milione e 141 mila euro per 137 mila tonnellate di rifiuti. Nel 2010, con l'aumento delle tonnellate conferite (arrivate a 157.000), si è giunti ad un indennizzo di un milione e 314 mila euro. Nel 2011, per 176 mila tonnellate, a un milione e 468 mila euro.  
 
Come documentato nei giorni scorsi l'aumento nella quantità di rifiuti conferiti all'inceneritore di via Cavazza è stato costante, arrivando alle 212 mila tonnellate nel 2016.

Stando ad una stima basata sulla quantità di rifiuti urbani indifferenziati e speciali conferiti nei primi 5 mesi del 2017 la quantità di rifiuti dovrebbe aumentare ancora fino a circa 227 mila tonnellate, sempre più vicina alla quota limite posta a 240.000 tonnellate.
 
Ma basta fermarsi ai dati certificati del 2016 per calcolare un indennizzo, a favore del Comune di Modena, di un milione e 765 mila euro. Una grossa cifra anche in termini di bilancio pubblico, addirittura superiore a quella da 800 mila euro all'anno, in termini di spesa corrente, costata ai modenesi per pagare l'aumento dell'1,6% della Tari previsto dalla variazione di bilancio 2017-2019 discussa in Consiglio Comunale il 30 marzo scorso.
 
Oppure superiore al costo a carico del Comune di Modena, per l'affidamento, sempre ad Hera, in una sorta di partita di giro, del servizio di riscossione tributi.

Calcolato, sempre nell'ultima variazione di bilancio, in 737 mila euro più Iva per il 2017 e per 700 mila euro nel 2018.

 
In soldoni, basterebbe che il Comune decidesse di destinare tali somme derivanti dall'indennizzo per disagio ambientale per la presenza del mega-inceneritore, anziché a dichiarate e non meglio speficate opere che negli anni passati hanno finito per ritornare in parte ad Hera (attraverso interventi di mitigazione ambientale presso la discarica di via Caruso o lo stesso inceneritore), a compensare l'aumento della Tari, per creare un risparmio diretto per i cittadini pari all'aumento applicato con l'ultima manovra.

Con l'effetto indiretto, ma non trascurabile, di rendere più trasparente l'utilizzo dei soldi pubblici introitati invirtù di un disagio (o di un danno), provocato ai cittadini. Operazione tantopiù opportuna nel momento in cui si tratta di somme introitate in funzione del disagio e dell'impatto ambientale (e sulla salute pubblica) dell'inceneritore.

Altre scelte che non andassero direttamente a compensare un danno verificato e diretto all'ambiente cittadino e alla vita dei modenesi residenti, potrebbero apparire discutibili, anche in linea di principio, soprattutto se queste somme andassero a finanziare direttamente, o a fare risparmiare indirettamente. chi (Hera), il danno (tale da giustificare un indennizzo), lo ha provocato.
 
Gianni Galeotti


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Politica - Articoli Recenti
'Modena, Pd strumentalizza Consiglio ..
Rossini (Fdi): 'Interrogazione contro il Governo viene messa in trattazione ad appena 15 ..
26 Novembre 2022 - 18:28
Sondaggio Dire, Fdi vola oltre il ..
Il partito di Salvini scende all’8,4; mentre l’alleanza Renzi-Calenda è al 7,6
26 Novembre 2022 - 15:11
'Garantire l'apertura dei punti ..
Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa..
25 Novembre 2022 - 19:45
Bonaccini su M5S e Terzo Polo: 'Fanno..
'Mi piacerebbe ci fosse un concerto un po' più avanzato da parte delle tre opposizioni per ..
25 Novembre 2022 - 18:34
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58