Modena, l'ombra dell'inceneritore mortifica il sacrificio del porta a porta
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, l'ombra dell'inceneritore mortifica il sacrificio del porta a porta

La Pressa
Logo LaPressa.it

La Tari non scende, il servizio viene percepito come peggiore e l'aria viene inquinata sempre allo stesso modo da quello che esce dall'impianto di via Cavazza


Modena, l'ombra dell'inceneritore mortifica il sacrificio del porta a porta
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Da una parte i sacrifici chiesti ai cittadini legati alla introduzione della raccolta differenziata porta a porta, con tutte le storture e le contraddizioni del servizio gestito da Hera e l'inaccettabile spettacolo dei sacchi di pattume che invadono marciapiedi e strade. Dall'altra la presenza di un inceneritore, sempre gestito da Hera, che indipendentemente dalla diminuzione del 'monte-rifiuti' indifferenziati, brucia sempre e comunque la stessa quantità di immondizia, pari a 240mila tonnellate all'anno raggiunte attraverso rifiuti importati da altre province. 

E' questo il paradosso che vivono i modenesi da tempo e che con l'introduzione del nuovo modello di raccolta rifiuti si fa ancor più palese. La Tari non scende, il servizio viene percepito come peggiore e l'aria viene inquinata sempre allo stesso modo da quello che esce dall'impianto di via Cavazza.

Ecco allora che l'assenza di un meccanismo premiante mette in discussione il concetto stesso di rapporto fiduciario tra amministrazione e cittadini. Una amministrazione che chiede sacrifici in nome di indubbiamente nobili principi ambientali che nessuno mette in discussione, ma che non solo non riconosce nulla per lo sforzo ai modenesi ma che continua a imporre loro un impianto del tutto sovradimensionato per la città (oggi l'indifferenziato prodotto si attesta alla metà della capienza annua), inserito in uno dei contesti più inquinati d'Europa e con la assurda promessa di uno spegnimento neo 2034.

Ovviamente la giunta Muzzarelli, in accordo col Pd locale e con Hera, si sgola nel sottolineare il valore ambientale del nuovo modello di porta a porta con concetti ovvi. 'La lotta al cambiamento climatico e la tutela ecologico-ambientale del nostro territorio non lasciano spazio a dubbi o ripensamenti - scrive oggi il Pd locale in una nota -.

I rifiuti sono una delle maggiori fonti di inquinamento ed è in questo contesto che, nella nostra città, è partita la raccolta porta a porta e mista. L'obiettivo è quello di portare dal 60% all'80% la raccolta differenziata di carta, plastica, organico e vetro, di migliorare la qualità dei rifiuti differenziati e di conseguenza abbattere drasticamente i kg di indifferenziata pro capite che ad ora è più del doppio di quanto prevede la legge al 2027. E' universalmente riconosciuto che per ottenere questi obiettivi c'è un solo modo: la raccolta porta a porta e la tariffa puntuale. Cambieranno alcune nostre abitudini, ed è fisiologico che i cambiamenti portino sempre un po’ di timori e qualche problema nelle fasi iniziali'.

E ancora: 'Sappiamo anche che ci sono stati problemi e disservizi in alcuni territori. Proprio per questo abbiamo approvato in Consiglio comunale un ordine del giorno che chiede con forza che i cittadini ricevano il massimo sostegno e ascolto da parte di Hera e dell’amministrazione, che i problemi e le carenze che si sono verificati nelle zone in cui il servizio è già partito siano prontamente risolti e che si verifichi affinché non si ripetano nelle nuove implementazioni - dice il Pd -. Una volta superate le difficoltà con il dialogo e l'ascolto dobbiamo porci l'obiettivo di arrivare ad avere un sistema di raccolta che permetta di diminuire i rifiuti, migliorare la differenziata, che sia funzionale alle esigenze dei modenesi e arrivi nei prossimi anni a far pagare meno chi meno inquina'.

Principi induiscutibili sul piano teorico, ma l'assenza di ogni riferimento all'inceneritore getta su quanto viene affermato un'ombra difficile da dipanare. Evitare di citare il problema non significa che non esista. Anzi, il silenzio, non fa che ingigantire i baratri e renderne il fondo sempre più buio e profondo.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58