Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliSocieta'

Strage nelle cra in Emilia Romagna, la vergogna nel dossier Amnesty

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Quasi tutte le testimonianze ricevute da Amnesty International sono concordanti sull’assenza di supporto da parte delle Ausl/Ats alle Cra/Rsa'


Strage nelle cra in Emilia Romagna, la vergogna nel dossier Amnesty

E' un rapporto drammatico quello pubblicato di recente da Amnesty international Italia (Abbandonati) e che analizza l’impatto delle politiche a livello locale e nazionale sui diritti umani delle persone anziane nelle strutture di residenza sociosanitarie e socioassistenziali durante la pandemia. Nel mirino tre regioni d’Italia: Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto. 'Il rapporto è focalizzato su queste tre regioni perché i fattori che hanno caratterizzato la prima ondata dell’emergenza sanitaria in queste aree le rendono emblematiche rispetto a quanto accaduto nelle strutture di residenza sociosanitaria e socioassistenziale in Italia. In tutte e tre queste regioni il Covid si è abbattuto con violenza sugli ospiti delle strutture di residenza sociosanitarie e socioassistenziali Lombardia ed Emilia-Romagna, inoltre, sono le prime due regioni per eccesso di decessi totali'.

Un rapporto che mette in luce in modo sconvolgente le carenze del sistema sanitario emiliano-romagnolo e nulla consola se limiti simili si sono riscontrati anche nelle altre due Regioni analizzate.
'Stando alle testimonianze di familiari di pazienti di alcune Cra, l’isolamento preventivo all’ingresso dei pazienti dimessi da ospedale non sempre sarebbe stato messo in atto, così come quello sui casi Covid sospetti. In Emilia-Romagna, come in Lombardia, quasi tutte le testimonianze ricevute da Amnesty International sono concordanti sull’assenza di supporto da parte delle Ausl/Ats alle Cra/Rsa per fare fronte al pericolo di contagio introdotto dai trasferimenti da ospedali di pazienti infetti' - si legge nel rapporto.

'Un operatore sociosanitario di una struttura del parmense ci ha raccontato: “Il problema principale sono stati i Dpi. La Regione Emilia-Romagna aveva un piano pandemico dal 2008 che purtroppo è rimasto sempre nel cassetto. Ci è stato detto di utilizzare la stessa mascherina per più giorni. Poi facendo i salti mortali le mascherine sono uscite fuori. La regione ha stanziato soldi per le cooperative per l’acquisto di Dpi, ma se vai a vedere quali sono le cooperative che rispondono ai requisiti per poter accedere a questi stanziamenti, sono solo delle megacooperative, più simili a delle spa che alle piccole realtà che davvero fanno promozione sociale. Anche il corso per usare i Dpi è stato fatto tardi. Non siamo stati informati dei corsi online”.

E ancora sempre nel rapporto: 'Il direttore di alcune strutture nella regione ci ha detto: “I tamponi sui pazienti considerati casi sospetti non sono stati effettuati immediatamente, ma da una fase successiva, nella seconda metà di marzo. All’inizio dall’Ausl, poi la Ausl ha fornito il materiale per farli eseguire direttamente ai nostri infermieri. Anche i tamponi sugli operatori sanitari sono stati eseguiti a partire dalla fine del mese di marzo. In una fase più avanzata sono stati eseguiti tamponi e sierologici a tappeto, non solo sui casi sospetti, anche sul personale, prima ogni 15 giorni, poi con una frequenza inferiore”.

E poi l'aspetto più grave legato alla penuria di personale. 'L'Emilia-Romagna ha previsto una riduzione degli standard richiesti alle strutture per far fronte alla penuria di Oss. Con una comunicazione datata 20 marzo, visionata da Amnesty International, la direzione generale Cura alla persona, salute e welfare della Regione Emilia-Romagna comunicava ai direttori generali delle Usl, ai sindaci, ai direttori di distretto, ai gestori degli enti interessati e al Commissario ad acta per l’emergenza Covid che era possibile “il ricorso non prevalente a tutti gli altri istituti e strumenti previsti dalla legislazione vigente (es. lavoro somministrato) e dai contratti di lavoro” e che era altresì consentito “utilizzare un numero inferiore di personale con qualifica di Oss aumentando il numero del personale con la qualifica di Addetto all’assistenza di base o di Operatore tecnico dell’assistenza [personale che non è preparato per assistenza diretta ai pazienti, ndr] […]. È possibile inoltre utilizzare operatori anche in fase conclusiva del percorso di formazione Oss […]. Può inoltre essere utilizzato anche personale con differente qualifica, es. educatori con almeno tre anni di esperienza [...]”.



Il commento

Durissimo il commento del Comitato Regionale Familiari e Operatori “Libro Verde”.
'I dati delle residenze anziani sono drammatici e offrono uno spaccato chiaro senza alcuna possibilità di distorcere la realtà. Realtà ben chiara in Emilia Romagna ad oggi gli anziani ospiti delle Cra e delle Rsa contagiati dal Covid sono stati 9.206 su un totale di 35.978 ospiti. Più di un anziano su 4 si è ammalato. E di questi 9206 contagiati, 2039 sono morti (il 22%). Numeri (qui l'articolo) che sono persone, storie vissuti abbandonati da un sistema che ha dimostrato il suo totale fallimento. Siamo giunti alla conclusione di questo 2020, col ricordo di una classe dirigente a tratti incompetente, che ha sempre messo davanti alla salute il profitto, con risultati purtroppo noti a tutti. Dove si continua a far finta di niente cercando di minimizzare i problemi, soprattutto la mancanza di volontà per un cambiamento radicale. Minimizzare problemi come fatto da certi amministratori locali, come il sindaco di Modena Muzzarelli (qui l'articolo) che nei primi mesi tragici da covid-19 dichiarava che non era vero quello che avveniva, dove al contrario per tutta risposta ha rinnovato le autorizzazioni di gestione delle CRA-RSA alle grandi cooperative (qui l'articolo)' - scrive il Comitato.

'Il Virus non vi ha insegnato nulla? Sembra proprio di no, anzi si vuol far passare la tragedia non ancora conclusa come un prezzo necessario da pagare, causato dall’impreparazione iniziale nella gestione della pandemia. Difficoltà iniziali avvenute ovunque, che non devono essere un’attenuate, in quanto le cause sono ben precise 27 miliardi di euro tagliati alla sanità. Sono trascorsi 10 mesi continuando ad essere impreparati ed approssimativi, ciò non è ammissibile e dovrebbe portare tutta l’opinione pubblica ad indignarsi per riportare il diritto alla salute al primo posto. In 10 mesi da parte della Regione nella persona dell’assessore Donini, non si è deciso di provvedere ad innalzare in parametri assistenziali e sanitari delle Cra e Rsa. Non si è mai parlato di dare vita ad un progetto d’internalizzazione e stabilizzazione del personale precario. È stato lasciato il controllo dell’emergenza semplicemente ai gestori, che in molti casi si sono ritrovati a combattere a mani nude, privi degli strumenti e preparazioni necessarie - chiude il Comitato -. Ci lascia basiti l’incapacità o volontà di ammettere i propri errori. Riconoscere 'l'errore' comporterebbe forse mettere in discussione tutto il sistema? Sarebbe controproducente? Troppi milioni di euro entrerebbero in gioco. Un intero sistema politico vacillerebbe. La storia dell’evoluta Emilia Romagna è lo specchio di molte altre realtà sul territorio nazionale, a cui è necessario porre rimedio'.

Giuseppe Leonelli


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Articoli Correlati
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:310383
Vaccini, eventi avversi: in Italia ad oggi 328 segnalazioni di morte
Societa'
11 Giugno 2021 - 07:00- Visite:141055
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:139031
Covid, 4700 contagi al concerto per possessori di Green Pass inglese
Oltre Modena
26 Agosto 2021 - 14:33- Visite:125067
Vaccini, sesto rapporto Aifa: in Italia 423 segnalazioni di morte
Societa'
14 Luglio 2021 - 07:19- Visite:114048
Dati Iss: il Covid uccide anche i vaccinati: in un mese 509 decessi
Societa'
27 Settembre 2021 - 21:18- Visite:106131

Societa' - Articoli Recenti
Modena, 681 contagi, 5 decessi e nove..
Otto le persone ricoverate in Reparto, una in Terapia intensiva. I sintomatici sono 254
04 Gennaio 2022 - 18:01- Visite:1814
Emilia Romagna, prime 840 confezioni ..
Assegnate 65 confezioni a Piacenza, 20 a Parma, 30 a Reggio Emilia, 70 a Modena, 95 a ..
04 Gennaio 2022 - 17:51- Visite:327
'Molti vaccinati credono di essere ..
Responsabile del Dipartimento Sanità pubblica Davide Ferrari: 'Precauzioni necessarie per ..
04 Gennaio 2022 - 17:43- Visite:922
Non chiedeva green pass agli ospiti: ..
Al momento del check-in, agli ospiti non veniva richiesto il green pass. Da qui la ..
04 Gennaio 2022 - 16:29- Visite:593
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:370462
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:310383
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:187522
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:182499