Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

Modena, quel Monumento ai carristi è davvero un messaggio positivo?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Qual è il senso di questo monumento posto di fronte al palazzetto dello sport che porta il nome di Mandela, grande esempio di nonviolenza?


Modena, quel Monumento ai carristi è davvero un messaggio positivo?
Dal primo ottobre Modena si è arricchita di un nuovo monumento: è dedicato ai “carristi caduti per la patria”, come è inciso sul carro armato che spicca come parte centrale del monumento. Si trova al centro di una nuova rotonda alla Sacca, di fronte al PalaMadiba dedicato a Nelson Mandela e nelle adiacenze delle scuole medie Marconi, una delle tante scuole che fanno parte della rete nazionale di scuole di pace.

Da parte nostra il massimo rispetto per tutti i caduti a causa di ogni guerra e su tutti i fronti. Ma ci chiediamo se non si possa fare uno sforzo critico per chiedersi se le morti in guerra non sarebbero evitabili, basterebbe non fare la guerra e non considerarla come opzione possibile, di giustificarla come “male necessario” e mezzo plausibile per risolvere controversie e conflitti.

Non conteremmo i morti, civili e militari, non avremmo bisogno di ricordarli. Ci piace pensare alla vita, non alla morte, e soprattutto ci ripugna il messaggio che morire in guerra sia cosa “normale”.

Ci pare superfluo ricordarlo proprio in questa fase storica, in cui la follia criminale della guerra insanguina l'Europa, e ci tocca chiederci che futuro ci aspetta, se i “grandi della terra” non sanno fare di meglio che porre il mondo davanti alla barbarie delle stragi quotidiane e alla possibilità concreta di una guerra nucleare.
E che messaggio vogliamo dare ai giovani, come alle ragazze e ai ragazzi delle medie Marconi che ogni mattina passano davanti al monumento che raffigura un carro armato? ne giustifica l'uso? coltiva l'idea che morire in guerra è un servizio dovuto alla patria?

Qual è il senso di questo monumento posto di fronte al palazzetto dello sport che porta il nome di Mandela, grande esempio di nonviolenza, artefice di costruzione di pace e riconciliazione nel suo paese pur provato da un sanguinoso conflitto?

Qual'è l'esempio a cui i giovani devono fare riferimento? Quello di chi fa la guerra o quello di chi ha speso una vita per la pace? Ce lo chiediamo, un po' sconcertati che questa riflessione non sia comparsa nella mente di chi ha progettato il monumento ai carristi e la sua collocazione.

Gli adulti e le istituzioni devono sapere scegliere i messaggi da dare, specie ai giovani, e i messaggi sono spesso dati da gesti concreti della quotidianità, apparentemente innocui, in sostanza portatori di messaggi. Come il conferimento della cittadinanza onoraria della città di Modena all'Accademia militare. Oppure la scelta (in quel caso dell'Università) di collocare un aereo F104 davanti al Dipartimento di Ingegneria nel nuovo polo universitario. Che messaggio viene dato a studentesse e studenti da un micidiale aereo da combattimento (che tanta morte ha seminato nel modo, basti pensare al Vietnam) a simboleggiare eccellenza tecnologica nel cuore della loro Università?
Pensiamo che chi ha responsabilità istituzionali ed educative debba riflettere di più e soprattutto debba fare uno sforzo per “disarmare” la propria mente e tradurre in coerenza e rigore le proprie scelte: che siano sempre di e per la pace, nei fatti e non nelle parole.

Il Movimento Nonviolento di Modena


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, la teorica mobilità ..
Inviterei gli assessori, i geometri, gli ingegneri, i tecnici comunali che si occupano di ..
24 Novembre 2022 - 21:47
'Campagna vaccinale, così la scienza..
Giovanardi: 'Nessuna riposta dalle istituzioni sanitarie modenesi sulla richiesta di ..
22 Novembre 2022 - 22:31
Green pass, io non so se potrò mai ..
Non credo ci sia nulla che possa risarcire tutto quello che hanno subito le persone che non ..
02 Novembre 2022 - 17:01
Vaccini, ecco perchè condivido in ..
Nella mia vita ho visto diverse epidemie, allora non si usava il termine pandemia perché ..
27 Ottobre 2022 - 22:03
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51