Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Sicurezza: telecamere e più poliziotti. Queste le ricette di sinistra?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il problema non è solo quello di catturare i colpevoli, ma avere giustizia veloce e pena certa, anche se minima e possibilmente collegata a misure di recupero


Sicurezza: telecamere e più poliziotti. Queste le ricette di sinistra?

Modena: 300 telecamere installate dal Comune; altre 300 telecamere installate negli ospedali modenesi; altre numerosissime installate da singoli proprietari in appartamenti, negozi, attività produttive ed agricole. Circa 70 gruppi di controllo di vicinato circa 2.000 persone coinvolte. Richiesta di ulteriori poliziotti; aumento dell’organico della Municipale. Renderanno più sicura la nostra città?

Quello della sicurezza è un tema molto delicato su cui, storicamente, destra e sinistra si confrontano con idee e proposte molto diverse. Oggi, da una parte c’è Salvini che ne ha fatto, a parole, un cavallo (vincente) di battaglia e dall’altra, il centro sinistra che balbetta con soluzioni che sembrano simili alle cure palliative di un malato terminale; si va dal “più telecamere e poliziotti” al controllo di vicinato.

Sull’argomento, già ho scritto in passato: Il (falso) mito del controllo di vicinatoFurto del Guercino e certezza della penaNomadi, una risposta che è una resa Io sto con MinnitiSe i vigili facessero i vigili e i Sindaci facciano i SindaciMinniti a Modena. E se la sicurezza fosse di sinistraModena, abbiamo forse un Sindaco leghista? Addossandomi le dure critiche di esponenti e sostenitori del centro sinistra modenese.

Per spiegare lo strabismo del centro sinistra, vorrei citare solo alcuni episodi. Qualcuno si ricorda dei “bulli” di Carpi, quei ragazzini che prima avevano rubato dei bus, poi, dopo aver scorrazzato per la città avevano devastato la scuola; il sindaco aveva chiesto “una condanna commisurata alla gravità”; dopo pochi mesi di “riabilitazione”, alcuni dei colpevoli sono stati colti mentre commettevano un altro reato.

Ma anche il sindaco di Modena Muzzarelli non era da meno; dopo un recente episodio, dichiarava: “….Ma non basta, se poi dobbiamo fare i conti con norme che rimettono immediatamente in libertà i responsabili e lasciano esposte le vittime…”.

Insomma, chi è impegnato a livello locale ha la netta percezione che così le cose non vadano, mentre gli intellettuali di sinistra pontificano; a questo riguardo ho letto con grande interesse un recente articolo di Manconi in cui asserisce di non scandalizzarsi per la precoce liberazione di Formigoni; in fondo, si è poi pentito di quello che ha fatto! Sono affermazioni che fanno sobbalzare un qualsiasi cittadino di qualsiasi appartenenza politica che abbia un minimo di buon senso.

Cito questo episodio per chiarire che qui non si tratta di italiani o di stranieri, né si invocano punizioni “esemplari”.

Desiderare di vivere in un paese dove chi è onesto possa essere tutelato è di destra? Il problema non è solo quello di catturare i colpevoli, ma di avere una giustizia veloce ed una pena certa, anche se minima e possibilmente collegata a misure di recupero. Ma negli ultimi decenni c’è stato qualche governo che si occupato di ciò? Di centro destra o di centro sinistra?

Veramente qualcuno pensa che aumentare le telecamere, il controllo di vicinato e più poliziotti possono risolvere questo problema, se non si interviene sul funzionamento della giustizia e sulla certezza della pena?

Finalmente, oggi leggo, con grande interesse, sulla pagina Facebook di Mauro Francia, un acuto osservatore della realtà modenese con un pedigree al di sopra di ogni sospetto:

….In pratica in Italia si può sostanzialmente delinquere per diversi anni, fino a che non arrivino le prime sentenze definitive, spesso peraltro assai lievi; solo allora il reo si pone il tema dell’eventuale fuga nel proprio paese o alla clandestinità in un altro stato. In un quadro assai mutato dal 1948, possiamo mantenere l’attuale interpretazione della Costituzione per la quale si dà peso quasi esclusivamente alla pena come <<recupero del reo>> e non anche all’effetto deterrente nei confronti degli altri malintenzionati?. Ancora: potremo reggere a lungo il fatto che quasi sempre non si finisce dietro le sbarre se non dopo una o più condanne definitive? Ci sono principi di civiltà che devono essere coniugati con il mutare del quadro sociale, pur nel rispetto dei valori fondanti della nostra convivenza. Più che attaccare Salvini accusandolo di essere un forcaiolo, il PD dovrebbe presentare proposte di legge ed altre azioni tese a contrastare le azioni delinquenziali, soprattutto sequenziali, dimostrando l’inutilità dei vari proclami sulla “castrazione chimica”, “farli marcire in carcere”, “ergastolo con sofferenze”, ecc.”

Parole sante. Qualcosa sta cambiando?

Franco Fondriest

Nella foto il sindaco di Modena insieme al prefetto e alla comandante della polizia municipale

Modena: 300 telecamere installate dal Comune; altre 300 telecamere installate negli ospedali modenesi; altre numerosissime installate da singoli proprietari in appartamenti, negozi, attività produttive ed agricole. Circa 70 gruppi di controllo di vicinato circa 2.000 persone coinvolte. Richiesta di ulteriori poliziotti; aumento dell’organico della Municipale. Renderanno più sicura la nostra città?

Quello della sicurezza è un tema molto delicato su cui, storicamente, destra e sinistra si confrontano con idee e proposte molto diverse. Oggi, da una parte c’è Salvini che ne ha fatto, a parole, un cavallo (vincente) di battaglia e dall’altra, il centro sinistra che balbetta con soluzioni che sembrano simili alle cure palliative di un malato terminale; si va dal “più telecamere e poliziotti” al controllo di vicinato.

Sull’argomento, già ho scritto in passato: Il (falso) mito del controllo di vicinatoFurto del Guercino e certezza della penaNomadi, una risposta che è una resa Io sto con MinnitiSe i vigili facessero i vigili e i Sindaci facciano i SindaciMinniti a Modena. E se la sicurezza fosse di sinistraModena, abbiamo forse un Sindaco leghista? Addossandomi le dure critiche di esponenti e sostenitori del centro sinistra modenese.

Per spiegare lo strabismo del centro sinistra, vorrei citare solo alcuni episodi. Qualcuno si ricorda dei “bulli” di Carpi, quei ragazzini che prima avevano rubato dei bus, poi, dopo aver scorrazzato per la città avevano devastato la scuola; il sindaco aveva chiesto “una condanna commisurata alla gravità”; dopo pochi mesi di “riabilitazione”, alcuni dei colpevoli sono stati colti mentre commettevano un altro reato.

Ma anche il sindaco di Modena Muzzarelli non era da meno; dopo un recente episodio, dichiarava: “….Ma non basta, se poi dobbiamo fare i conti con norme che rimettono immediatamente in libertà i responsabili e lasciano esposte le vittime…”.

Insomma, chi è impegnato a livello locale ha la netta percezione che così le cose non vadano, mentre gli intellettuali di sinistra pontificano; a questo riguardo ho letto con grande interesse un recente articolo di Manconi in cui asserisce di non scandalizzarsi per la precoce liberazione di Formigoni; in fondo, si è poi pentito di quello che ha fatto! Sono affermazioni che fanno sobbalzare un qualsiasi cittadino di qualsiasi appartenenza politica che abbia un minimo di buon senso.

Cito questo episodio per chiarire che qui non si tratta di italiani o di stranieri, né si invocano punizioni “esemplari”.

Desiderare di vivere in un paese dove chi è onesto possa essere tutelato è di destra? Il problema non è solo quello di catturare i colpevoli, ma di avere una giustizia veloce ed una pena certa, anche se minima e possibilmente collegata a misure di recupero. Ma negli ultimi decenni c’è stato qualche governo che si occupato di ciò? Di centro destra o di centro sinistra?

Veramente qualcuno pensa che aumentare le telecamere, il controllo di vicinato e più poliziotti possono risolvere questo problema, se non si interviene sul funzionamento della giustizia e sulla certezza della pena?

Finalmente, oggi leggo, con grande interesse, sulla pagina Facebook di Mauro Francia, un acuto osservatore della realtà modenese con un pedigree al di sopra di ogni sospetto:

….In pratica in Italia si può sostanzialmente delinquere per diversi anni, fino a che non arrivino le prime sentenze definitive, spesso peraltro assai lievi; solo allora il reo si pone il tema dell’eventuale fuga nel proprio paese o alla clandestinità in un altro stato. In un quadro assai mutato dal 1948, possiamo mantenere l’attuale interpretazione della Costituzione per la quale si dà peso quasi esclusivamente alla pena come <<recupero del reo>> e non anche all’effetto deterrente nei confronti degli altri malintenzionati?. Ancora: potremo reggere a lungo il fatto che quasi sempre non si finisce dietro le sbarre se non dopo una o più condanne definitive? Ci sono principi di civiltà che devono essere coniugati con il mutare del quadro sociale, pur nel rispetto dei valori fondanti della nostra convivenza. Più che attaccare Salvini accusandolo di essere un forcaiolo, il PD dovrebbe presentare proposte di legge ed altre azioni tese a contrastare le azioni delinquenziali, soprattutto sequenziali, dimostrando l’inutilità dei vari proclami sulla “castrazione chimica”, “farli marcire in carcere”, “ergastolo con sofferenze”, ecc.”

Parole sante. Qualcosa sta cambiando?

Franco Fondriest

Nella foto il sindaco di Modena insieme al prefetto e alla comandante della polizia municipale



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Franco Fondriest
Franco Fondriest

Sono di origine trentine, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita a Modena. Mi sono laureato in pedagogia ed ho svolto la mia attività lavorativa prevalentemente nella mia ..   Continua >>


 


Parola d'Autore - Articoli Recenti
Pd, un partito senza anima che ha ..
I voti ottenuti dai Fratelli d'Italia (passati dal 4 al 26 per cento) provengono anche da ..
01 Ottobre 2022 - 01:24
'Così l'Ateneo di Bologna si rivolge..
Su come e quando si devono accendere le luci, sugli indumenti intimi autoriscaldanti da ..
30 Settembre 2022 - 17:40
Pd, la candidatura della De Micheli ..
Loro litigheranno, lo Stefano nazionale salverà il partitone. Ma è davvero il leader il ..
27 Settembre 2022 - 21:46
Italia ridotta a colonia, ma gli Usa ..
Ma gli strateghi del Pentagono e i consiglieri di Biden hanno pensato a come uscire da ..
19 Settembre 2022 - 12:06
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23